Sezione Aurea,
una storia di bellezza e armonia

Nata a Roma, dopo gli studi classici Patrizia Blasucci si trasferisce a Firenze nel 1973 e si avvicina al mondo dell’arte grazie alla frequentazione di due vicini di casa: Sanzio e Goffredo Trovarelli, maestri di pittura e grandi artisti dai quali Patrizia impara l’amore per la natura e per i colori presenti in essa.

Dopo qualche tempo decide di fondare la sua ditta Sezione Aurea, il cui nome rappresenta quell’ideale di bellezza e armonia a cui sempre aspira.

sezione-aurea-collane-sfere-vetro-foglia-oroI primi anni sono dedicati allo studio della rielaborazione dell’antica tecnica della “marmorizzazione della carta”, applicandola prima su oggetti di arredamento e successivamente su diverse forme in plexiglass con le quali crea i suoi gioielli fantasia.

Sempre alla ricerca della perfezione ma senza mai voler rinunciare al colore, inizia a realizzare gioielli con materiali più preziosi, unendo due tra le più prestigiose e apprezzate lavorazioni italiane nel mondo: il vetro di Murano e la foglia d’oro di Firenze.

Dopo una lunga e difficile ricerca seleziona alcuni abili maestri vetrai di Murano a cui fornisce personalmente la foglia d’oro di Giusto Manetti, la cui tradizione orafa risale al 1600.

Con essa sono impreziosite le forme di vetro realizzate su sue precise indicazioni, sia per il design che per l’abbinamento cromatico.

I componenti in argento utilizzati per le sue creazioni vengono acquistati ad Arezzo, città toscana famosa nel mondo per la sua tradizione orafa.

La rodiatura e la doratura dell’argento 925 vengono eseguite da una galvanica di nicchia.

sezione-aurea-collane-vetro-foglia-oro

I cristalli, qualora presenti, sono esclusivamente della ditta Swarovski.

L’unione di tutte queste scelte fa sì che i gioielli Sezione Aurea si differenzino dai tanti altri presenti sul mercato, unicità che viene apprezzata e confermata dai clienti che hanno visitato Venezia.

I suoi gioielli vengono realizzati nell’atelier di Firenze, a due passi da Ponte Vecchio, anche grazie all’aiuto di due valide e affezionate collaboratrici.